Boxe

boxe

boxe

E’ la disciplina più nota.

Più che una vera e propria arte marziale è oggi una disciplina sportiva seguita da un pubblico vastissimo, con campionati nazionali i mondiali divisi per categorie in base al peso. E’ da sempre disciplina olimpica.
Come tecnica di autodifesa incontra i suoi limiti proprio nella struttura della disciplina sportiva.
Infatti sono moltissime le limitazioni imposte (non colpire sotto la cintura, nessuna presa, colpire solo con i pugni e quindi niente calci o gomiti) che ne fanno appunto la “nobile arte”, ma lo rendono poco pratico in caso di aggressione.
Gli incontri di box sono divisi in round (da 4 a 12 della durata di 3 minuti ciascuno), intervallati da pause di un minuto. Nelle competizioni olimpiche i round sono 3 o 4 della durata di 2 minuti. Alla fine di ogni round vengono assegnati dei punti ai pugili in virtù dei pugni andati a segno, della tecnica, e della disciplina dimostrata.
E’ il punteggio a determinare la vittoria di un incontro, salvo che l’avversario non venga mandato al tappeto prima della conclusione.
Non sono permessi pugni al di sotto della cintura,  dietro la schiena, nella nuca o nella parte posteriore della testa.

E’ la disciplina più nota.Più che una vera e propria arte marziale è oggi una disciplina sportiva seguita da un pubblico vastissimo, con campionati nazionali i mondiali divisi per categorie in base al peso. E’ da sempre disciplina olimpica.Come tecnica di autodifesa incontra i suoi limiti proprio nella struttura della disciplina sportiva.Infatti sono moltissime le limitazioni imposte (non colpire sotto la cintura, nessuna presa, colpire solo con i pugni e quindi niente calci o gomiti) che ne fanno appunto la “nobile arte”, ma lo rendono poco pratico in caso di aggressione.Gli incontri di box sono divisi in round (da 4 a 12 della durata di 3 minuti ciascuno), intervallati da pause di un minuto. Nelle competizioni olimpiche i round sono 3 o 4 della durata di 2 minuti. Alla fine di ogni round vengono assegnati dei punti ai pugili in virtù dei pugni andati a segno, della tecnica, e della disciplina dimostrata. E’ il punteggio a determinare la vittoria di un incontro, salvo che l’avversario non venga mandato al tappeto prima della conclusione. Non sono permessi pugni al di sotto della cintura,  dietro la schiena, nella nuca o nella parte posteriore della testa.

mike tyson Jack la Motta cassius clay benvenuti marciano rocky patrizio oliva
holyfield bruno arcari alessandro-duran duilio loi parisi giovanni  

Leave a Reply

Libro Consigliato

libro body building

Ebook "Tutto quello che devi sapere sull'alimentazione (per il tuo allenamento)"